mercoledì 9 ottobre 2013

Banda larga satellitare



Avendo la (s)fortuna di abitare in campagna mi ritrovo con una connessione ADSL abbastanza traballante. Il mobile non e' ancora una soluzione per via dei suoi tetti al transfer rate mensile e per le prestazioni che comunque sono molto, ma molto, al di sotto di quanto dichiarato. Per caso mi imbatto oggi in una banner con la pubblicita' di una societa' che offre connettivita' Internet via satellite. Le prestazioni sono interessanti 20Mb in down / 6Mb in up, anche il prezzo e' allettante. Faccio un giro sul sito e' leggo un po' di notizie. Sito che non brilla per trasparenza (hai presente quando hai dei dubbi e trovi tutto fuori che la risposta alle tue domande?) comunque decido che vale la pena di indagare ancora... A questo punto faccio quello che dovrebbe fare l'utente Internet evoluto. Apro un motore di ricerca e cerco i commenti dei loro utenti. E gia' al primo risultato di ricerca trovo le risposte alle domande che mi frullavano per la testa...

La morale di questa storia e' che non serve mentire per vendere un prodotto, basta omettere parte della verita', o quantomeno imboscarla bene bene tra le righe di un contratto di enne pagine. Da questo punto vi vista le nostre banche e le nostra assicurazioni hanno fatto scuola in tutto il mondo... 

E l'utente allora cosa deve fare ? Documentarsi ! E' sua' responsabilita' valutare che il prodotto offerto sia adatto alle proprie esigenze. Non c'e' uno standard che va bene per tutti, per alcuni puo' esserlo per altri no. Il modo migliore per farlo e' cercare le risposte alle proprie domande sui forum dedicati: Hardware Upgrade e' un buon punto di partenza, ma ce non sono tanti altri. In questo modo si ha la possibilita' di ascoltare il feedback, sia quello positivo che quello negativo, direttamente dagli utilizzatori...

venerdì 13 settembre 2013

Uomini e donne



UOMINI

DONNE


sono come il bluetooth:
sono come il wi-fi:


e' connesso con te 
quando sei nei paraggi,

ma ricerca altri dispositivi
quando tu non ci sei...

identifica tutti i 
dispositivi disponibili

ma si connette solo
con il più forte...

martedì 30 luglio 2013

Bandiere di tutto il mondo

Internet e' una grande risorsa, si trova sempre quello che si cerca e alle volte anche di piu'. Seguendo a ritroso le tracce di una gif animata vista su un blog, una bandiera con il giglio di Firenze, ho scoperto un sito che sembra essere una delle piu grandi collezioni di questo tipo di animazioni. La classica miniera d'oro. Autore ed ideatore di questa collezione e' Marcello Bozzo, agente immobiliare di Camogli con una vera passione per la gif art che ha adibito un "angolo" del sito della sua agenzia come hosting per la sua collezione.

     

Centinaia di esemplari di ottima qualita', tantissime bandiere ufficiali di stato, sia moderne che antiche, bandiere di citta', province e regioni italiane ed estere, segnali alfabetici ed una sezione dedicata alle bandiere delle squadre di calcio, italiane ed estere, anche di piccole squadre locali.

   

Le gif art sono rilasciate con una licenza "alcuni diritti riservati", nella filosofia della migliore Internet, utilizzo libero fino a dieci bandiere, citando la fonte o chiedendo l'autorizzazione per un numero maggiore, questo al momento della recensione. Qualora decidiate di utilizzarle, non dimenticate di controllare se i termini di licenza sono rimasti invariati.

lunedì 29 luglio 2013

Pizzeria Google

> -Pizzeria Google, buona sera…
> -Pizzeria cosa?
> -Pizzeria Google, signore. Cosa vuole ordinare?
> -Ma, questo non era il numero della pizzeria Gino?
> -Si signore, ma Google ha comprato la pizzeria e ora il servizio è più completo.
> -Va bé, posso ordinare?
> -Certo signor Rossi. Vuole la solita pizza?
> -La solita pizza, ma lei sa mio nome? Lei mi conosce?
> -E per l’identificatore di chiamate, controllando il suo numero di telefono le ultime 37 volte che ha ordinato una pizza, ha ordinato quattro formaggi.
> -Non me lo sarei mai immaginato…. voglio proprio la quattro formaggi!
> -Signore, posso farle un suggerimento?
> -Certo!. Avete una nuova pizza nel menù?
> -No signore, il menu non è diverso da prima, ma mi permetterei di suggerirle una pizza alla ricotta e rucola.
> -Ricotta?!! Rucola?!! Nooooo! Io odio queste cose
> -Ma signore, è una cosa buona per la sua salute, e anche perché il suo colesterolo non va così bene.
> -Cosa?!!
> -Abbiamo l’informazione dal laboratorio dove ha fatto le sue analisi, incrociando il suo nome e il suo telefono possiamo vedere il livello del colesterolo….
> -Non voglio una pizza così, anche perché prendo la mia medicina per il colesterolo e posso mangiare quello che voglio.
> -Signore, mi dispiace ma lei non ha preso la sua medicina ultimamente.
> -Come lo sa? ma lei mi sta guardando tutto il tempo?!
> -Abbiamo accesso ai dati di tutte le farmacie della città. L’ultima volta che ha comprato la sua medicina fu tre mesi fa e la scatola contiene solo trenta compresse.
> -È vero, ma…. ma lei come lo sa?..
> -Per la sua carta di credito…
> -Cosaaaaa?!!
> -Lei compra sempre la sua medicina nella farmacia Sori che le fa degli sconti se paga con la carta di credito della banca BANK. Grazie ai dati che abbiamo nel nostro data base su i suoi movimenti con la carta di credito,sappiamo che da tre mesi lei non ha comprato niente in questa farmacia. Ma l’ha utilizzata in altri negozi, questo vuol dire che non l’ha persa.
> -E se avessi pagato in contante in farmacia?? Cosa mi dici ora??
> -Lei paga € 800 in contante alla sua domestica tutti i mesi e il resto delle spese le fa con la carta di credito.
> -Come sa quanto pago la domestica??
> -Lei paga i contributi e le tasse.
> -Ma vai ……!!
> -Signore mi dispiace, ma è tutto nello schermo. Ho il dovere di aiutarla.
> Credo che lei dovrebbe chiedere un appuntamento con il suo dottore, già che a quello scorso lei non è andato a portargli i risultati delle analisi, cosi le può cambiare i farmaci.
> -Senti caro, sono stanco, non ce la faccio più, sono stufo di INTERNET, del PC, del XXI secolo, della mancanza della Privacy, dei DATA BASE, di questo paese e di tutti voi!!!!
> -Ma, signore…
> -Stai zitto!!! Me ne vado lontano da qui. In un paese dove non ci sia INTERNET, né computer, né telefono e ne gente che mi controlla!!!
> -Ho capito….
> -Userò la mia carta di credito per la ultima volta per comprare un biglietto d’aereo e andarmene via il più lontano possibile!!
> -Va bene, signor Rossi.
> -Puoi cancellare la mia pizza!!
> -Nessun problema, già cancellata. Solo una ultima cosa….
> -Cosa vuoi ?!!!
> -Ha il passaporto scaduto…..

pubblicato originariamente sul blog di Yanfry, un blog da bookmarkare !



giovedì 25 luglio 2013

Very simply ASCII artwork

o          `O    Oo    `o    O  o.OOoOoo       O       o OooOOo. 
O           o   o  O    o   O    O             o       O O     `O
o           O  O    o   O  O     o             O       o o      O
O           O oOooOoOo  oOo      ooOO          o       o O     .o
o     o     o o      O  o  o     O             o       O oOooOO' 
O     O     O O      o  O   O    o             O       O o       
`o   O o   O' o      O  o    o   O             `o     Oo O       
 `OoO' `OoO'  O.     O  O     O ooOooOoO        `OoooO'O o'      

  .oOOOo.  o      O o.OOoOoo o.OOoOoo OooOOo.   o      o.OOoOoo  
  o     o  O      o  O        O       O     `O O        O        
  O.       o      O  o        o       o      O o        o        
   `OOoo.  OoOooOOo  ooOO     ooOO    O     .o o        ooOO     
        `O o      O  O        O       oOooOO'  O        O        
         o O      o  o        o       o        O        o        
  O.    .O o      o  O        O       O        o     .  O        
   `oooO'  o      O ooOooOoO ooOooOoO o'       OOoOooO ooOooOoO  
tQn                                                              
                   FACEBOOK IS RUN BY THE CIA

mercoledì 1 maggio 2013

Integrazione Blogger con Google+

Google ha da poco rilasciato una nuova feature per Blogger, la nota piattaforma che offre un servizio di blogging, sempre gestito dal colosso americano, in maniera totalmente gratuita. A differenza di Wordpress e Joomla! Blogger è una piattaforma di blogging puro, ossia non presenta significative aperture verso i Social Network e la presenza database importanti quali MySql (come invece accade su Joomla! o Wordpress). La semplicità di uso la rende appetibile per i blogger alle prime esperienze.

E' stata introdotta una opzione che permette di integrare i commenti sui blog di Blogger con il profilo Google+ dell'autore. In parole puoi avere: commenti sui post di blog di Blogger, commenti sui post di blog che hai condiviso su Google+ e contenuti condivisi su Google+ che si ricollegano ai tuoi post di blog tutti insieme direttamente sotto il post del blog. Sembra interessante, ma il risvolto della medaglia e' che per poter commentare il tuo blog i lettori devono possedere una pagina o un profilo Google+.

Ho voluto provare per testarne pregi e difetti ma sono rimasto assolutamente insoddisfatto. Trovo disdicevole che per postare un commento si debba necessariamente avere un profilo Google+. Mi viene quasi da pensare che questa opzione sia stata inserita piu' per promuovere il social network di Google che per offrire un servizio ai blogger... mah... vediamo se ci metteranno una pezza...


Per chi avesso attivato la funzione e fosse pentito
 consiglio di seguire la guida di Fabrizio Castelli.

giovedì 18 aprile 2013

I mostri di Bitcoin

Per chi ancora non lo sapesse Bitcoin è una moneta elettronica creata nel 2009 da Satoshi Nakamoto. È anche il nome del progetto software open source sviluppato per l'uso di questa moneta. In questo post non voglio entrare nel merito del funzionamento della moneta. Ci sono centinaia e centinaia di articoli di altissimo livello scritti in tutte le lingue del mondo, scriverne uno in più non avrebbe proprio senso.

Volevo invece approfittare per farvi vedere alcuni dei mostri che si cimentano nella creazione della moneta. Eh si, perché la moneta si crea, con un processo detto mining. Il mining e' un business vero e proprio, ed anche particolarmente competitivo. Puo' essere divertente ed istruttivo provare a partecipare con i propri processori (CPU, ma meglio ancora le GPU che sono particolarmente prestanti nel tipo di calcolo richiesto) ad un pool di mining, ma se pensate di poterci fare soldi facili state sbagliando strada.

Se date un occhiata a questa galleria di mostri, piu' o meno artigianali, usati per la produzione dei bitcoin capirete subito perche' vi sto dicendo che non e' roba alla portata di tutti: